Sistema Bates.it
SITO DI RIFERIMENTO PER LA VERA DIVULGAZIONE E LA CORRETTA PRATICA
DEL «SISTEMA ORIGINARIO» DEL DOTTOR WILLIAM HORATIO BATES PER
LA CURA DELLA VISTA CON METODI NATURALI
Fondato e diretto da Rishi Giovanni Gatti • 623 + 52 articoli pubblicati • 140 prodotti nel negozio • 11036 abbonati al notiziario

Articoli Divulgativi Brevi

La Cura della Luce

Senza fare niente, ma immersi nella luce, possiamo sperimentare un approccio autentico e senza sforzo al “Trattamento Senza Occhiali” del Dott. Bates!

Ora che le giornate si sono ben allungate e ci avviamo verso il solstizio d’estate, sarebbe bene sfruttarle per abituare gli occhi alla piena luce del sole.  La necessità di non provare alcun fastidio qualsivoglia emergendo, da una stanza buia o edificio chiuso, nel forte chiarore del sole è oramai stata dimostrata come essenziale per la cura della vista secondo i metodi originali naturali del Dott. Bates.

cura-della-luceDi questi tempi, chiunque può uscire dall’ufficio e stare, per quelle tre o quattro ore prima del tramonto, seduto su una panchina in un parco a non far nulla se non rimirare il cielo, le nuvole e la luce diretta del sole o la sua riflessione su specchi d’acqua, vetri o altre adatte superficii.  Meglio fare questo che magari correre in palestra o a giocare a calcetto al chiuso di un centro sportivo puzzolente e tetro.  Meglio “perdere tempo” rimirando il sole, o il cielo, piuttosto che andare al bar a farsi quell’ “aperitivo” che ci avvelena (soprattutto perché viene condito dalle stupidaggini che si dicono e si ascoltano durante quelle penose circostanze)!

Sebbene l’uso della “lente solare” del Dott. Bates possa essere di grande aiuto per velocizzare il trattamento, in verità la “cura con la luce” è di solito un processo molto lento:  prima di vedere dei risultati concreti sulla visione bisogna attendere alcuni giorni nei quali si è stati come minimo tre ore con gli occhi al sole (cioè nella piena luce del sole).  Ma cosa si intende per “risultati concreti”?  Si intende che per magía una volta tolti gli occhi dal cielo o dal sole per guardarsi intorno, la visione è piú o meno normale, nitida, e non si ha il benché minimo senso di sforzo e non si fanno atti piú o meno coscienti per vedere bene o meglio le cose che ci circondano.  In sostanza, sembra che le lunghe ore passate a far “niente”, senza cercare di vedere, ma semplicemente rilassandosi nella luce, siano piú che sufficienti per attenuare lo sforzo mentale e dare luogo a uno stato di coscienza che sia piú libero e meno assillato – consapevolmente o meno – dal problema della vista imperfetta.

A differenza dell’autunno e dell’inverno, nella primavera e nell’estate non abbiamo scuse per restare al buio:  la luce c’è e va utilizzata per la cura della vista.  Anche se ci fosse tempo nuvoloso o pioggia, nulla ci vieta di approfittare della corrispondente luce attenuata per fare la nostra pratica di osservazione del cielo; e in moltissimi casi è proprio questa luce attenuata a darci un grosso aiuto e a prepararci a non soffrire fastidî quando tornerà la luce diretta del sole.

L’invito per tutti i lettori è quello di ritagliarsi due o tre o quattro ore per provare su se stessi quanto bene faccia lo stare tranquilli e immersi nella luce senza nessuna preoccupazione possibile.  Abituarsi a questa grande luce serve anche per quando ritornerà il buio:  non soltanto esso ci farà meno paura, ma saremo piú sensibili al fatto che in ufficio o a scuola o sul posto di lavoro in generale la condizione di buio è giudicata come fin troppo normale e dovrebbe essere invece dissipata al piú presto.

Per concludere:  il principio di fondo che ci muove è quello del rilassamento.  Dobbiamo evitare ogni sensazione di sforzo, qualsiasi essa sia; ciò significa che si deve trovare la condizione adatta per stare alla luce con la massima comodità possibile.  Non ci si deve forzare a guardare direttamente al sole coi due occhi, in special modo se ciò ci dà noia, ma ci si deve arrivare nel modo giusto.  Il modo giusto è spiegato nelle pubblicazioni originali del Dott. Bates e nei varî articoli che abbiamo pubblicato nelle pagine de “IL FALCO PER L’EDUCAZIONE ALLA VISTA PERFETTA”, a cui siamo costretti, qui per brevità, a rimandare tutti i lettori veramente interessati.

Rishi Giovanni Gatti

ultimo aggiornamento: 14 luglio 2013
originariamente pubblicato il 10 maggio 2009
© SistemaBates.it, tutti i diritti riservati — Riproduzione vietata.