Sistema Bates.it
SITO DI RIFERIMENTO PER LA VERA DIVULGAZIONE E LA CORRETTA PRATICA
DEL «SISTEMA ORIGINARIO» DEL DOTTOR WILLIAM HORATIO BATES PER
LA CURA DELLA VISTA CON METODI NATURALI
Fondato e diretto da Rishi Giovanni Gatti • 593 + 49 articoli pubblicati • 138 prodotti nel negozio • 10615 abbonati al notiziario

Testimonianze 10 luglio 2018

22 su 28 (l’ impero degli occhiali avanza)

Sono un ragazzo di sedici anni e vorrei tanto curare la mia vista senza occhiali.  Me li hanno prescritti pochi mesi fa ma io li ho messi solamente per un’ ora e poi li ho tolti perché mi davano fastidio.

Ho cercato in Rete una soluzione e ho visto tanti siti sul “Metodo Bates” e ho cercato di farmi una opinione.  Ho visto anche tanti video su YouTube.  Poi ho trovato il sito del Sistema Bates® Originario™ e della Associazione Vista Perfetta® e lì era indicato il testo originale «VISTA PERFETTA SENZA OCCHIALI».  Allora sono andato su Amazon per acquistarlo e ho visto che c’ era una edizione economica da pochi euro e ho chiesto a mio papà di comprarla.

Qualche giorno dopo, sono tornato su Amazon.it e ho visto che il carrello era ancóra pieno con altri libri, il che significava che mio papà non aveva finalizzato l’ acquisto e lì mi sono davvero molto arrabbiato e ho preteso che lui mi comprasse la versione veramente originale che costa 38 euro ed è quella indicata sul sito www.SistemaBates.it (©®).  Vista la mia determinazione, mio papà ha ceduto e a fatto l’ ordine.  A dire il vero era stato proprio lui a parlarmi di Bates, facendomi lèggere un libro intitolato L’ ARTE DI VEDERE di A. Huxley che lui aveva comprato decenni prima, ma che non gli era servito a nulla visto che oggi lui porta ancóra gli occhiali ed è scettico.  Dice che queste cose non servono a nulla ma io non voglio certo fare la sua fine.  Comunque il giorno dopo ho ricevuto il libro e mi sono messo a leggerlo con avidità.

Mi sono ristampato la tabella di controllo che c’è inclusa, ingrandendola un po’, e ho cominciato a prendere le misurazioni della mia vista.

Poi un giorno, di nascosto dai miei genitori, ho telefonato alla AVP® per parlare con qualcuno e fare delle domande.  Sono riuscito in tutto a fare tre telefonate nel corso di alcuni mesi e ho sempre parlato con persone disponibili ad ascoltarmi a lungo e gratuitamente.

Solo nell’ ultima telefonata sono stato un po’ redarguito perché essendo io minorenne avrei dovuto avere una autorizzazione scritta dai miei genitori per partecipare alle riunioni di studio ma anche per parlare al telefono, cosa che mi avevano détto súbito ma che io non ho avuto il coraggio di portare avanti lì per lì.

Comunque poi mi sono deciso a chiedere questa autorizzazione e una domenica sono andato insieme a mio fratello a conoscere di persona alcuni socii della AVP® a Milano.  Ovviamente non possiamo iscriverci perché non vogliamo chiedere soldi ai nostri genitori visto che sono scettici e portano gli occhiali.

Comunque ci ha incuriosito il fatto che alla distanza di 65 piedi potevamo lèggere abbastanza facilmente la riga dei 40, per una visione di 65/40, ben al di sopra del normale.  Lì ci è stato chiesto di che cosa ci lamentassimo e quale fosse la nostra paura di non vedere a sufficienza.

La nostra paura è la variabilità della visione che non è stabile, cala di un paio di righe ogni volta che proviamo a guardare alla tabella di controllo.

Ci hanno risposto che questo problema si risolve solamente con la pratica continuata dei metodi di riposo.

Comunque parlando del piú e del meno, gli altri presenti hanno anche voluto sapere quanti dei nostri compagni di classe portassero gli occhiali.

Dopo avere fatto mente locale, abbiamo risposto che facevamo prima a contare quelli che non ce li avevano, noi inclusi, e quindi solamente sei persone senza occhiali.  Insomma, su 28 che siamo in classe, ben 22 portano gli occhiali!

I nostri ospitanti sono inorriditi perché secondo loro siamo sull’ orlo di una apocalisse visiva.  E dato che la vista imperfetta «è contagiosa» come dice il Dott. Bates, ci è stato détto che sarà sempre piú difficile sfuggire allo sforzo visto che ovunque ti giri c’è qualcuno che porta gli occhiali!!!  Ma noi non vogliamo fare la stessa fine di costoro.

Comunque al termine di due ore siamo andati via annunciando che molto probabilmente non ci saremmo piú visti con gli altri socii perché, come già accennato, i nostri genitori non ci avrebbero autorizzato.

[testimonianza raccolta dal presidente AVP®]


Fotografía:  copertina del settimanale INTERNAZIONALE dedicata a uno speciale sulla economia degli occhiali
© SistemaBates.it, tutti i diritti riservati — Riproduzione vietata.