Sistema Bates.it
SITO DI RIFERIMENTO PER LA VERA DIVULGAZIONE E LA CORRETTA PRATICA
DEL «SISTEMA ORIGINARIO» DEL DOTTOR WILLIAM HORATIO BATES PER
LA CURA DELLA VISTA CON METODI NATURALI
Fondato e diretto da Rishi Giovanni Gatti • 515 + 47 articoli pubblicati • 116 prodotti nel negozio • 9559 abbonati al notiziario

Resoconto Eventi AVP

Oltre trentacinque presenze alla “Due Giorni” di luglio 2014

La “due giorni” di studio pratico della AVP svoltasi il sabato e la domenica del 26 e 27 di luglio 2014 presso il Monastero San Daniele ha contato oltre trentacinque presenze di socii tutti molto bene determinati a proseguire o perfezionare il proprio auto-tratamento e assicurarsi sempre meglio una vista normale senza occhiali (o anche sopra-normale).

In questa occasione, abbiamo anche iscritto ben cinque nuovi socii, di cui ben due ragazze “infra-18” afflitte da fastidiosa miopía scolastica.

Parliamo di loro due, innanzi a tutto.  Il primo caso si chiama Giulia e non ha mai messo occhiali.  La sua visione al primo controllo sulla tabella di Snellen a circa 18 piedi era piuttosto scarsa, inferiore ai 18/70.  Siamo riusciti a portarla a 20/20 esercitandoci all’aperto e utilizzando prevalentemente i metodi della memoria e della immaginazione, in particolare ricordando alcuni dettagli della “casa dei nonni”, ovvero, nello specifico, il colore verde della porta di ingresso e i colori “giallino” e “rosa pesca” dei muri esterni.  Ci auguriamo che la ragazza possa portare avanti con intelligenza il suo auto-trattamento studiando bene il libro del Dott. Bates e segnando sul “Diario della Vista Perfetta” ogni giorno il livello della sua visione al mattino e alla sera (giusto per non perdere contatto mentale con questa idea della cura della vista, la quale idea deve essere coltivata quotidianamente e intensamente in special modo nei primi tempi del trattamento).

Il secondo caso si chiama Elisabetta; pur troppo, questa diciassettenne appassionata di musica rock “undergound new wave” aveva già subíto per alcuni mesi una prescrizione di lenti correttive, risultando cosí piú difficile a trattarsi con la tabella di controllo di Snellen.  C’è da dire che la ragazza ha tolto gli occhiali da circa un mese su suggerimento di un suo amico che le aveva regalato il libro “VISTA PERFETTA SENZA OCCHIALI” acquistato su questo sito.  La sua visione è risultata di soli 9/70 scarsi alla prima prova.  Siamo riusciti a portarla a 18/30 alla fine del secondo giorno, quando per grande fortuna abbiamo scoperto che spostando lo sguardo da una lettera piccola stampata sulla tabella di controllo di Snellen tascabile posizionata al punto prossimo (circa 25 cm dagli occhi) e poi guardando alla omologa lettera sulla tabella di controllo a 18 piedi, e ricordando la prima, la giovane socia era in grado di mantenere il ricordo della lettera al punto prossimo, rilassando cosí a sufficienza la sua mente per fare in modo di vedere anche quella lontana.

Un altro caso particolare di nuovo socio che desideriamo congratulare è quello di Emilia, una donna quarantenne che deve assolutamente curare la sua fortissima miopía superiore alle 25 diottríe di correzione, pena la perdita della vista paventata da varii professionisti oculisti.  Qui sicuramente i progressi saranno lenti ma stando ben lontana dagli occhiali correttivi siamo sicuri che la sua visione tenderà presto a migliorare e il rischio delle complicanze tipiche di questo tipo di disturbi sarà debellato.  La nostra nuova socia ha visto nell’arco di due giorni diminuire la sua insicurezza nello stare senza occhiali constatando che se c’è una luce sufficiente non è cosí difficile riuscire a cavarsela anche bene (da qui l’esigenza di attrezzarsi con le piú moderne tecnologíe illuminotecniche come proposte su questo sito www.SistemaBates.it).  Applicando il metodo dell’ondeggiamento all’aria aperta guardando all’orizzonte dal terrazzino del Monastero, la signora ha potuto incominciare a vedere i contorni delle case lontane diversi chilometri e riconoscere i varii colori dei muri a seconda di dove rimirava con lo sguardo.  Vedremo che cosa riuscirà a fare nei prossimi mesi, se lei continuerà a studiare il suo caso con la stessa intensità dimostrata in questi due giorni di pratica in comune.

Non possiamo, inoltre, non menzionare la testimonianza positiva di Alice, dodici anni, che aveva partecipato al gruppo residenziale estivo a Marzocca di Senigallia a fine giugno.  Ecco che cosa ci ha scritto qualche giorno dopo aver partecipato la domenica del 27 luglio:  «Ciao, la mezza giornata di domenica è stata interessante, perché mi sono accorta che una volta a casa ci vedevo un po’ meglio.  Questo miglioramento dura tuttora soprattutto sull’occhio più debole, che vede quasi come l’occhio più forte, tuttociò non ostante l’ambiente familiare».

Per continuare, tre note negative:

1) sabato mattina siamo stati funestati da una “bomba d’acqua” piovuta su Abano Terme e zone limitrofe, impedendoci di iniziare il gruppo di studio all’orario stabilito, e inzuppandoci d’acqua in modo inaudito.  In ogni caso, siamo poi riusciti a essere tutti presenti verso le 10, anche se non abbiamo potuto utilizzare il terrazzino se non dopo le 16.

2) Anche questa volta c’è stato qualche visitatore non iscritto Avp che si è presentato alla mattina invece che al pomeriggio dopo le 17, quando è previsto lo spazio aperto a chi non è ancóra socio ma vuole entrare in contatto con noi per informarsi e acquisire il materiale di studio in previsione di una futura adesione.  Ricordiamo ai non socii che leggono queste righe che la partecipazione alle giornate di studio è preclusa in ogni caso ai non socii.  Per cortesia, non ci costringete a cacciare in malo modo chi non può partecipare.  Per noi lo spazio riservato ai socii è sacro e non facciamo alcuna eccezione di nessun tipo.

3) Relativamente al punto precedente, la mattina della domenica si è pure presentato –indossando occhiali – un signore che aveva acquistato un mese prima il libro base del Dott. Bates “VISTA PERFETTA SENZA OCCHIALI” senza averlo ancóra letto.  Gli è stato concesso di esporre brevemente alcune domande – dopo essersi tolto gli occhiali – ma quando ci siamo accorti che tale signore non era affatto interessato alla sua cura ma si preoccupava di un suo conoscente che era quasi diventato cieco e che però non ne voleva sapere di auto-trattamento e metodi di riposo, il presidente non ha potuto fare altro che accompagnarlo gentilmente alla porta raccomandandosi di non presentarsi piú, a meno che non avesse intenzioni serie di guarigione concreta del suo stesso caso prima di tutto il resto!

Per terminare, una nota molto positiva:

Siamo molto lieti di constatare che il socio Ivo (classe ’43) può lèggere il carattere microscopico alla moderata luce del sole, dopo alcuni mesi di auto-trattamento per la presbiopía.  Il suo caso sarà raccontato nei dettagli sul prossimo numero del “il falco” (n. 46, in distribuzione a fine agosto).  Da segnalare inoltre – con molti complimenti – che la socia Laura (moglie di Ivo) ora può lèggere il carattere ordinario a distanza normale con l’occhio che fino a circa tre mesi fa era cieco.

Il prossimo appuntamento della AVP al Monastero San Daniele è fissato per una “Due Giorni” di studio pratico a sabato e domenica 13 e 14 settembre 2014 a partire dalle ore 9.  Prenotatevi per tempo perché i posti sono limitati.

 

Alternare lo sguardo da vicino a lontano ricordando ciò che si è visto, è un ottimo metodo per ottenere riposo mentale e vista normale

Alternare lo sguardo da vicino a lontano ricordando ciò che si è visto, è un ottimo metodo per ottenere riposo mentale e vista normale

Oltre trentacinque presenze alla “Due Giorni” di luglio 2014 • SISTEMA BATES ®
Download PDF
© SistemaBates.it, tutti i diritti riservati — Riproduzione vietata.
 
0

Your Cart